SPEDIZIONE GRATUITA OLTRE 30€

Tuo carrello

0%

Il tuo carrello è attualmente vuoto.

Ricominciamo...

Dopo la pausa forzata dovuta all’apice della pandemia anche la nostra casa editrice sta cercando di tornare ad una parvenza di normalità. Siamo felici di annunciare finalmente l’uscita del nostro nuovo libro che era programmata inizialmente per l’inizio di aprile 2020: “Grande Guerra. La medicina in trincea.

Conoscenze, tecniche e organizzazione sanitaria sul fronte italiano” di Guido Caironi. Riteniamo quest’opera molto significativa: il libro con cui ricominciamo il nostro percorso riguarda le tematiche cliniche e le tecniche impiegate per la cura e l’assistenza dei feriti e dei malati durante la Prima Guerra Mondiale ed è stata scritta da un ricercatore storico che di mestiere fa l’infermiere di Centrale Operativa sui mezzi di soccorso e sull’elisoccorso del servizio HEMS presso il 118 della Sala Operativa di Emergenza Urgenza dei Laghi a Como. Guido Caironi è stato coinvolto in prima persona, assieme ai suoi colleghi, nella lotta contro il Coronavirus nell’area lombarda pertanto l’autore e la casa editrice hanno deciso di comune accordo di impegnarsi in questa nuova ripartenza in una piccola iniziativa rivolta a chi, nel corso di questa battaglia, pur combattendo con tutte le sue forze per salvare vite, è rimasto sul campo.

Lasciamo all’autore stesso la parola per presentarci tutto ciò:
“Medicina, infermieristica e soldati; trincee, feriti, malattia e sofferenza.
Queste sono purtroppo le ostiche tematiche affrontate in questo testo, il quale si offre come l’opportunità di conoscere quanto appreso dalla medicina e dagli approfondimenti sanitari noti, studiati, sviluppati e implementati nel contesto italiano durante il Primo Conflitto Mondiale.

Il testo offre una disamina, a tratti più semplice, in certi passaggi più approfondita e tecnica, delle conoscenze e dello stato dell’arte della pratica medica di quei difficili anni, in cui venne richiesto, a tutta la nazione, uno sforzo a dir poco sovrumano.
Suddividendo il libro per capitoli vengono affrontati tutti i principali temi della sanità, senza dimenticare anche quegli aspetti più nascosti e forse meno noti, dell’agire quotidiano dei tanti, ma pur sempre troppo pochi, medici e infermieri che operarono su quelli che furono veri e propri campi di morte.

Ma ogni capitolo vuole arricchire la lettura anche attraverso l’ambientazione realistica di un racconto, di una vicenda o di una storia; frutto della fantasia dell’autore, ma nello stesso tempo assolutamente veritiera e storicamente correttamente collocata.

Il libro inoltre avrà un ulteriore scopo. Per ogni copia venduta verrà versato un euro per un caro collega, Diego Bianco, caduto in una guerra di differente tipologia, combattuta contro un nemico oscuro e nascosto: la guerra contro il Coronavirus.
Alla sua famiglia quindi desideriamo offrire l’opportunità, per quanto piccola, di un contributo fattivo al ricordo e nello stesso tempo al rinnovo della vita, attraverso una concreta partecipazione alla crescita, alla cultura e alla consapevolezza di chi lo porterà per sempre nel cuore.


Guido Caironi.

Qui il libro

06/06/2020”